Pace: Vignarca su appello papa Francesco, “chi sta attorno ai paesi in conflitto, deve facilitare la ricerca di negoziato, non alimentare la guerra”

Intervista per l’Agenzia SIR, a cura di Maria Chiara Biagioni “La strada per negoziare e per individuare gli elementi che consentono un minimo dialogo, la devono trovare coloro che sono coinvolti nella guerra ma chi sta attorno, deve facilitare questo processo”. E’ Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana pace e disarmo, a commentare al Sir …

Dalla minaccia nucleare ai droni Houti: “Ecopacifismo è l’unica risposta”

“Deterrenza nucleare non funziona. Occorre disarmo nucleare multilaterale. Nello Yemen abbiamo mandato armi, che dal 2015 hanno fatto 300 mila morti civili. Con le armi non si risolve la guerra. Bisogna agire su diseguaglianze e crisi climatica. E naturalmente ridurre gli armamenti” Mia intervista per Redattore Sociale, a cura di Chiara Ludovisi Putin si dice …

Cosa intende Papa Francesco quando parla di “bandiera bianca” in Ucraina

Perché Papa Francesco ha usato l’espressione “bandiera bianca” riferendosi all’Ucraina. Francesco Vignarca: “Bergoglio ha smascherato l’ipocrisia occidentale: mentre tutti aderiscono alla banalità della guerra, Bergoglio dice che il vero coraggio è nella volontà di negoziare e giungere a una soluzione condivisa. Non c’è nessun coraggio in chi invoca altra guerra, ma sulla pelle degli ucraini”. …

Appello sull’export bellico. Vignarca: “Non è vero che armarci di più garantisce sicurezza e pace”

Associazioni e Movimenti cattolici italiani uniti per impedire la modifica della Legge 185/90. A seguito dell’approvazione del Senato avvenuta a fine febbraio, sarà a breve in discussione alla Camera dei Deputati il Disegno di Legge di iniziativa governativa che modifica, “peggiorandola in maniera rilevante”, la normativa italiana sull’esportazione di armi. Vignarca (Rete Pace e Disarmo): …

“Dall’Ucraina alla Palestina, subito il cessate il fuoco. La pace non si costruisce con la guerra”

Intervista di Giulio Cavalli per “La Notizia” Francesco Vignarca, coordinatore campagne della Rete italiana Pace e Disarmo, cosa ci dice l’enorme partecipazione in Russia ai funerali di Navalny?“Dimostra quello che sottolineano da tempo. Anche se non lo può esprimere, la maggioranza dei russi è contro questa guerra. Non lo dice perché c’è repressione e autoritarismo …

Italy: Amending current law to facilitate arms exports

The Italian Senate approved a controversial bill giving the government the power to decide whether to export arms, removing a series of intertwined controls and parliamentary debates Su Altas of Wars by Anna Violante The new legislation claims to adapt Law 185, in force since 1990, to new international challenges. Its objectives include minimising restrictions on arms …

“Pericoloso e contro la legge: Roma vuol solo continuare la guerra”

Mia intervista per il Fatto Quotidiano sull’Accordo tra Italia e Ucraina firmato a Kiev a due anni dall’inizio della guerra con la Russia Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Pace e Disarmo, ha appena finito di leggere l’accordo sulla cooperazione e sicurezza firmato sabato a Kiev da Giorgia Meloni e Volodymyr Zelensky e dice: “Questo testo …

Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina

Articolo di Lara Tomasetta per The Post Internazionale, con alcune mie considerazioni: intanto gli Stati europei hanno usato la scusa di sostenere Kiev per rifarsi gli arsenali a spese dell’Ue A fine dicembre 2023, secondo i dati resi noti dal Kiel Institute – uno dei più autorevoli think tanks europei che conduce un’attività di analisi …

Il forte prevarica il più debole «Un modello che va scardinato»

LA VOCE Il coordinatore delle Campagne della Rete pace e disarmo: «Purtroppo le scelte globali vanno ancora in direzione del conflitto» Una mia intervista per l’inserto “Diogene” de “La Provincia di Como”a cura di Simone Dalla Francesca   In situazioni di incertezza e instabilità, la scelta più diffusa a livello globale è quella di investire …

Il business delle armi non conosce tregua

A due anni dall’invasione russa dell’Ucraina e con tanti conflitti in corso, l’industria bellica fa grandi affari. Nel 2023 i titoli azionari del settore Difesa sono aumentati in media del 25%. Ma il settore militare-industriale-finanziario è in crescita da almeno due decenni Mio articolo per Left di Febbraio 2024 L’invasione russa in Ucraina e la …

La guerra delle armi

Aumentano le spese militari in tutta Europa e l’Italia non fa eccezione. La corsa al riarmo come preludio a un conflitto mondiale?  Articolo di Simona Ciaramitaro per Collettiva La possibilità che i molteplici conflitti in corso diventino una guerra globale non è frutto di coloro che hanno una visione apocalittica del futuro. È il rischio concreto …