home Parole e notizie Meno militari italiani in Iraq e Afghanistan, più truppe dispiegate in Niger

Meno militari italiani in Iraq e Afghanistan, più truppe dispiegate in Niger

Ritiro graduale dei militari italiani da e a partire dalla fine di ottobre. Nel decreto missioni che il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, porterà nei prossimi giorni al Consiglio Dei Ministri per l’approvazione c’è una parte relativa al rientro delle truppe dalle due missioni armate internazionali: 100 uomini verranno ritirati dall’ al completamento del processo elettorale, quindi “entro il 31 ottobre”, mentre altri 50 lasceranno il Praesidum alla diga di Mosul, in , presenti per proteggere la struttura dai miliziani dello Stato Islamico nel Paese. “È un cambio di passo importante in linea con i nuovi interessi strategici del Paese”. – ha affermato la ministra della Difesa che recentemente è riuscito a sbloccare la missione in , una missione fondamentale per il governo al fine di contrastare i flussi migratori verso l’Italia”.

Il provvedimento, quindi, non prevede necessariamente una diminuzione del numero assoluto di militari impegnati all’estero, ma indica la volontà del governo di continuare il ritiro dai due Paesi iper concentrare le forze nell’Africa sub-sahariana, dove la missione italiana in Niger avrebbe dovuto coinvolgere  470 militari entro la fine del 2018.  Commenta  la notizia Francesco Vignarca, rete Italiana per il disarmo.

Ascolta o scarica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *